logoENOTECA REGIONALE DELLA SERRA - Castello di Roppolo
Uffici in: Via al Castello,2
13883 Roppolo (BI) ITALIA
Tel.0161/98501 Fax.0161/987510
Orario: 8.30/12.30 14.30/18.00 (martedì pomeriggio chiuso)

L’Enoteca, situata nel nord del Piemonte, prende il nome dalla cresta morenica delle colline della Serra, fra Ivrea e Biella. Fondata nel 1981, ha sede presso il castello di Roppolo, sulle alture prospicienti il lago di Viverone.
A metà strada fra produzione e commercio, l’Enoteca offre vasta rappresentatività ai produttori ed è luogo naturale di selezione oltre che di incontro e di promozione verso il pubblico. La struttura del castello di Roppolo è particolarmente attraente e la sua origine risale all’anno 1000. Del XVI secolo sono le cantine, con volte di mattoni a vista e muri di pietra; gli scaffali hanno la caratteristica struttura ad archetti degli antichi « infernotti» .
fotoI vini vengono ammessi all’Enoteca previa severa e rigorosa selezione ad opera di un’apposita e qualificata Commissione di degustazione composta da membri ONAV, per garantirne l’eccellenza e la costanza nell’alta qualità.
Attualmente nelle cantine trovano esposizione permanente 165 tipi di vino, spumanti e grappe di 100 aziende produttrici, circa 20.000 bottiglie selezionate che offrono la massima garanzia ai consumatori. L’Enoteca Regionale della Serra svolge un importante ruolo di promozione valorizzando e divulgando, attraverso manifestazioni legate ai temi dell’uva e della gastronomia, convegni, degustazioni e visite presso le aziende vitivinicole, la conoscenza di tutti i vini D.O.C.G. e D.O.C. piemontesi e valdostani, in modo particolare quelli delle province di Torino, Biella, Vercelli e Novara.
L’Enoteca offre, inoltre, altri spunti per una visita: una sezione è dedicata alla tradizione, con una piccola raccolta di attrezzi antichi connessi alla viticoltura e alla vinificazione; in un’altra cantina è, invece, possibile vedere l’archivio storico d’annata con una carrellata di bottiglie che sono, ormai, una rarità.
Al castello si tengono la « Festa dell’uva» dalla metà di agosto alla metà di settembre, con la faticosa "corsa delle botti", numerose mostre e manifestazioni enogastronomiche e folcloristiche, tutte con un comune denominatore: il vino.
Canavese:
fra le ultime nate delle D.O.C. piemontesi, interessa in modo particolare la zona del Biellese occidentale, cioè la collina della Serra. La denominazione « Canavese» si suddivide in: "rosso", "rosato", "bianco", "Nebbiolo" e "Barbera". La zona di produzione comprende i comuni di: Cavaglià, Dorzano, Roppolo, Salussola, Viverone, Zimone per la provincia di Biella; quelli di Alice Castello e Moncrivello per la provincia di Vercelli. la vendemmia 1996 è stata la prima a fregiarsi di questa nuova D.O.C.
Erbaluce:
le prime notizie sull’Erbaluce risalgono al 1606. Il nome del vitigno prende origone da « albe lucenti» , in riferimento al colore dei grappoli che in autunno il sole accende di riflessi ramati.
E’ uno dei pochi vitigni bianchi del Piemonte e le sue caratteristiche ne consentono l’utilizzazione per la realizzazione di più vini. I terreni devono essere di origine morenica ed ubicati con buona esposizione. L’Erbaluce è prodotto in diverse tipologie: "Erbaluce di Caluso", "Caluso passito", "Caluso passito liquoroso", "Erbaluce spumante brut".

Orario apertura invernale dall’1/10 al 31/3:
venerdì, sabato, domenica ore 9.30/12.00 15.00/18.30
Orario apertura estivo dall’1/4 al 30/9:
giovedì ore 15.00/19.00
venerdì, sabato, domenica ore 9.30/12.00 15.00/19.00.
Durante i giorni di chiusura è possibile visitare l’Enoteca rivolgendosi agli uffici.
Dal 7 gennaio a metà febbraio chiusura invernale.